Turismo

Il lago di Misurina tra escursioni e leggende

È l’alba. Una panchina di legno sorge solitaria sulle sponde di un lago placido. I flebili raggi del sole filtrano tra le fronde degli abeti e si riflettono sull’acqua, in un suggestivo gioco di luci e ombre con l’azzurro del cielo e il verde degli alberi. Ci troviamo sulle sponde del lago di Misurina, perla rara incastonata nella bianca roccia delle Dolomiti. Posizionato in una splendida vallata contornata dalle vette bellunesi a 12 km da Cortina, questo prezioso specchio d’acqua è il bacino naturale più grande del Cadore, i cui boschi rigogliosi e il paesaggio fiabesco sono custodi di un’antica leggenda.

 

La fata, lo specchio e le lacrime del re

 

Si narra di un regno ormai caduto e del suo mitico sovrano, che governava le terre comprese tra le Tofane, l’Antelao, le Marmarole e le Tre Cime di Lavaredo. Il re Sorapiss, questo il suo nome, aveva una figlia, Misurina. La bambina era capricciosa e viziata, ma il sovrano attribuiva il suo comportamento alla perdita precoce dell’amata madre e regina, assecondandola perciò in ogni richiesta. Al compimento dell’ottavo anno di età, Misurina scoprì l’esistenza di una bellissima fata che abitava le vette del monte Cristallo e del suo specchio magico, che consentiva di leggere i pensieri di chiunque vi si specchiasse. La bambina supplicò lungamente il padre affinché le procurasse lo specchio che tanto desiderava, finché Sorapiss cedette e l’accompagnò sul monte. La fata, che non voleva acconsentire alle richieste di quella bimba tanto graziosa quanto incontentabile, alla fine le donò il magico strumento ad una condizione: che il padre abbandonasse per sempre la sua forma umana per trasformarsi in una montagna. Misurina, indifferente alla sorte del re e unicamente desiderosa di impossessarsi dello specchio, accettò. Improvvisamente Sorapiss cominciò a gonfiarsi, i capelli divennero alberi e le rughe crepacci. La bambina si trovò tutto d’un tratto sui piedi di un enorme massiccio, fu colta da capogiro, precipitò nel vuoto e morì. Il re perse così la sua unica ragione di vita e, disperato, versò così tante lacrime da creare due fragorosi ruscelli, i quali si raccolsero a valle formando un immenso lago, il lago di Misurina.

 

Trekking nell’aria più pura

 

Anche se la leggenda appartiene ai racconti fantastici della tradizione, in un certo senso questo luogo è realmente incantato! L’aria che si respira nella vallata è talmente pulita e balsamica, che sulle sponde del lago è sorto l’unico centro in Italia specializzato nella cura dell’asma infantile. Il microclima infatti è perfetto per chi soffre di patologie respiratorie e per chiunque voglia trascorrere una giornata nella montagna incontaminata. Il percorso che porta da Cortina al lago di Misurina è di difficoltà bassa e può essere attraversato da appassionati di mountain bike, turisti e anche da famiglie con passeggino! Il sentiero è di circa 12 km passando per il Passo Tre Croci, seguendo la strada provinciale 48 che conduce alla bassa Val Popena e al successivo lago di Landro, per poi giungere a Dobbiaco ed inserirsi nella Val Pusteria. Una volta lasciato il proprio mezzo nel parcheggio, si parte per il sentiero principale. Seguendo le indicazioni si arriverà al lago in poco meno di un’ora a piedi! Una distesa di larici e abeti si aprirà davanti a voi in un incanto di foliage autunnale incorniciato dalle vette circostanti. Il lago infatti è circondato dai Monti Pallidi: a est si trovano degli impianti di risalita e la catena dei Cadini di Misurina, attraversata dal sentiero attrezzato Bonacossa. A nord del lago, prendendo la strada che porta alle Tre Cime di Lavaredo, si trova il più piccolo, ma non meno affascinante lago d’Antorno. A sud invece scorgiamo in tutta la sua imponenza il Gruppo del Sorapiss.

 

Allora, avete davvero bisogno di qualche altra buona ragione per visitare questo splendido lago? Dopo una giornata trascorsa nell’incanto della vallata, concedetevi un soggiorno in centro. Potrete dedicarvi allo shopping e agli eventi mondani che offre Cortina in ogni periodo dell’anno. Scopri i nostri hotel!

I nostri obiettivi: creare comunità ed unione all'interno della categoria e della realtà ampezzana, portare avanti una visione e programmazione univoca della località, accoglienza e promozione

CONTATTI

Largo delle Poste, 69 - 32043 Cortina d'Ampezzo (BL)

Partita Iva 01171990250
 

SEGUICI

Foto di Dino Colli

Copyright © 2019 Associazione Albergatori Cortina - Largo Poste, 69, Cortina d'Ampezzo (BL) - Italia
Sito web creato con ericsoft